Controllare la profondità di campo

Dopo l'inquadratura, il secondo elemento creativo importante sta nell'impiego sapiente della profondità di campo.
Si tratta di un'area di dimensioni molto variabili all'interno della quale tutto è a fuoco. La vorremo più ampia possibile nei panorami, così da mantenere nitidi sia lo scenario distante sia gli eventuali oggetti in primo piano, mentre la preferiremo il più ristretta possibile nei ritratti, così da mantenere nitido solo il viso della persona che si contrasta con uno sfondo sfocato che fa da cornice.
Il primo dei fattori che influenzano la profondità di campo è la distanza dell'oggetto dall'obiettivo. Maggiore è la distanza, più ampia sarà la profondità di campo.

Di conseguenza nelle foto panoramiche di oggetti lontani non dovremo preoccuparci di controllare cosa sia o meno a fuoco: basta impostare la messa a fuoco sull'infinito, disattivando così l'autofocus e velocizzando le operazioni di scatto.
Molte fotocamere consentono di selezionare una modalità "panorama", solitamente identificata dall'icona di una montagna, che blocca il fuoco a una distanza infinita (alla massima distanza consentita dall'ottica) e disabilita il calcolo automatico della distanza di messa a fuoco.
Il secondo fatto che influenza la profondità di campo è la lunghezza focale dell'ottica.

Un obiettivo grandangolare, con una lunghezza focale ridotta e con un raggio di visione molto ampio, tenderà ad amplificare la profondità di campo, viceversa un obiettivo tele, con una focale molto lunga e un campo di visione ristretto, ridurrà la profondità di campo.
Ciò si sposa con la prassi di usare il grandangolare per i panorami, dove vogliamo che siano perfettamente a fuoco sia le cose vicine sia gli oggetti lontani, e di usare il tele per i ritratti, così da isolare il soggetto da ciò che lo circonda, lasciando semplicemente una piccola cornice di sfondo, sfocata. Il terzo fattore, il più importante, che regola in proporzione ninversa la profondità di campo, è l'apertura di diaframma.
E considerando l'importanza di poter governare il campo di messa a fuoco, numerose fotocamere di fascia medio alta consentono di controllarla a mano, mediante una modalità solitamente contraddistinta dalla lettera A (aperture priority) che corrisponde alla modalità di controllo manuale del diaframma.

Aprendo e chiudendo il diaframma noi ridurremo o amplieremo la profondità di campo raggiungendo il risultato creativo che ci siamo prefissi e tenendo a mente che la profondità di campo si estende per 1/3 nell'area che viene prima del soggetto che abbiamo messo a fuoco (più vicina all'obiettivo) e per 2/3 nell'area che viene dopo il piano di fuoco critico (più lontana dall'obiettivo).

Come e perché si forma la profondità di campo
Quando si mette a fuoco un punto, esso ha la forma di un minuscolo cerchietto sul sensore o sulla superficie della pellicola. Il nostro occhio ha una capacità limitata di discernere i dettagli e tende a trasformare in punti anche piccoli cerchi che abbiano una circonferenza inferiore a un certo valore denominato "circolo o cerchio di confusione". Storicamente il circolo di confusione aveva un diametro di 0,25 mm per stampe osservate da una distanza di 25 cm, ma con lo sviluppo degli obiettivi a lunga focale e i sempre maggiori ingrandimenti delle foto, lo si considera ora compreso tra 0,20 o 0,33 mm.

Ingrandisci
Circolo di confusione
Quando un punto non è completamente a fuoco forma un circolo. Se il diametro di tale circolo non supera gli 0,20 o 0,33 mm avremo comunque l'impressione di vedere un punto.
Ingrandisci
Diaframma e circolo di confusione
Qui vediamo come un diaframma chiuso al massimo riduce le dimensioni del circolo di confusione.
Ingrandisci
Diaframma aperto
Ecco la situazione opposta: aprendo il diaframma il circolo di confusione diventa maggiore e più evidente, rendendo l'immagine sfocata.
 

Il nostro occhio vedrà quindi come puntiforme qualsiasi cerchietto che abbia un diametro inferiore al cerchio di confusione, permettendoci perciò di ampliare l'efficacia della focheggiatura creando l'effetto della profondità di campo, che benché faccia leva sull'apparenza, è molto convincente per stampe di piccolo formato. Naturalmente l'efficacia della profondità di campo diminuisce a mano a mano che aumentiamo la dimensione della stampa prodotta dalla nostra fotografia, perciò teniamone conto nel momento di stampare e chiudiamo il diaframma in proporzione al livello d'ingrandimento atteso.

Foto panoramica
Qui vediamo un panorama cittadino di cui abbiamo messo a fuoco il soggetto sullo sfondo.
Ingrandisci  
 
 
Dettaglio
Qui vediamo un dettaglio della stessa immagine scattata con diaframma chiuso (f/7.5) e diaframma aperto (f/2.6). Si nota che la siepe in primo piano e più incisa nel primo caso e diventa relativamente sfocata quando il diaframma viene aperto.
Ingrandisci  


Risoluzione e tempi di posa:
» Le fasi di uno scatto
  • Scattare in modalità automatica
» Scegliere la qualità dell'immagine
» Qual'è la risoluzione migliore
» Impostare la stampa
» Otturatore e tempo di posa
» Scattare a tempo
  • Selezionare i tempi di scatto

Esposizione e diaframma:
» Scrivere con la luce
  • Riepilogo tempi di posa
» Lavorare in priorità di diaframma
» Fuoco e profondità di campo
  • Usare il fuoco in modo creativo
» Controllare la profondità di campo
» Esposizione

Inquadratura:
» Usare l'obiettivo al meglio
» Lunghezza focale
» Bilanciamento del bianco
» Usare lo zoom
» Zoom e sensibilità
» Composizione
» Bracketing
» Contrasto e luminosità
» Nitidezza
» Saturazione
» Esposizione multipla
» Panoramiche

in collaborazione con:
PCOPEN