Continui rincari in bolletta? Il termostato Netatmo è la soluzione definitiva.

Sono tempi duri per i consumatori di luce a gas. I rincari, scattati il 1 ottobre 2018 e previsti per il trimestre ottobre-dicembre, porteranno le famiglie italiane a spendere in bolletta circa 100 € in più rispetto allo stesso trimestre del 2017. È quindi ora di eliminare definitivamente gli sprechi e affidarsi, per quanto riguarda il consumo di metano, al termostato smart di Netatmo per usare in modo intelligente il proprio impianto di riscaldamento.

Ad annunciare le bollette più salate ha provveduto, con un comunicato stampa, l'Arera, l'Autorità di regolazione per l'energia, reti e ambienti. Rincari che seguono quelli già sostanziosi registrati la scorsa estate nel trimestre luglio-settembre 2018, quando l'energia elettrica era aumentata del 6,5% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente e il gas metano dell’8,2%.
Gli aumenti del trimestre in corso si attestano invece al 7,6%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, per quanto riguarda la corrente elettrica, al 6,1% per il gas.
Fra le cause che hanno determinato questa situazione vi sono l'aumento del costo del carbone, del petrolio, del gas naturale e dei trasporti via mare di quest'ultimo.
E per quanto l’Autorità si sia impegnata a calmierare l'incremento di spesa, intervenendo sulla voce in bolletta “oneri di sistema”, resta il disagio delle famiglie italiane che per l'ennesima volta devono rassegnarsi a bollette più salate.
Uno stato di cose che spingerà più d'uno a rivedere al ribasso i propri consumi, a limitare l'uso di energia elettrica e a rinunciare a un po' di comfort, soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento domestico, durante la stagione invernale. Rimedi utili ma non sufficienti.
Prima di limitare i consumi, andrebbero infatti eliminati gli sprechi, talvolta trascurabili, altre volte capaci di pesare notevolmente sulle spese mensili.
Fra i principali sprechi domestici, specie durante la stagione fredda, vi è proprio quello del gas metano utilizzato per alimentare l'impianto di riscaldamento. Valori di temperatura superiori a quelli adeguati al benessere fisico (19-20 °C) e radiatori che "attaccano" anche quando a casa non c’è nessuno sono situazioni errate che si verificano all’ordine del giorno. Il prodotto smart che più di qualunque altro consente una gestione adeguata ed economica del proprio sistema di riscaldamento e il termostato di Netatmo, compatibile con la gran parte della caldaie a gas in circolazione (ma anche a nafta, a legna e con le pompe di calore), facile da installare e in grado di ridurre i consumi energetici fino al 37%.
Quante volte, per un contrattempo o un cambio di programma, restiamo fuori casa più del dovuto rassegnandoci all’idea che l’impianto di riscaldamento, gestito dai più tradizionali termostati a parete, si accenda inutilmente? E quante altre ci affidiamo alle loro impostazioni di base, quando in realtà ogni abitazione ha un proprio comportamento termico?
Queste sono solo alcune delle più comuni cause di spreco energetico (e di denaro), che il Termostato Netatmo consegna definitivamente al passato: grazie alla connettività Wi-Fi e alla sua natura di termostato smart, può infatti essere gestito anche a distanza, per accendere e spegnere i termosifoni, per ridurre e aumentare la temperatura, etc… L’app Netatmo Energy, in italiano, permette inoltre un continuo monitoraggio del sistema, grazie a dati e grafici di grande chiarezza.
Il Termostato Netatmo è composto da due elementi che si possono posizionare anche in punti diversi: il relè, da collegare in Wi-Fi al router di casa, va posto accanto alla caldaia e alimentato a corrente; il display con l’elegante involucro in plexiglas (disegnato da Philippe Starck), su sui si leggono la temperatura effettiva e quella da raggiungere, può essere posizionato nel punto più opportuno, come scrivanie, piani di lavoro, mensole, pareti e via dicendo. I due dispositivi comunicano fra loro via radio (l’autonomia del display è di circa 2 anni).
Ciò che però contraddistingue il Termostato Netatmo dagli altri modelli concorrenti è la capacità di creare, in funzione della temperatura esterna e dei tempi necessari a raggiungere i valori termici desiderati nel proprio appartamento, il programma giornaliero (e settimanale) più idoneo alla propria abitazione.
Sarà lo stesso termostato a inviare allo smartphone, con il quale lo controlliamo, l'algoritmo derivato dalle osservazioni, chiedendo di poterlo applicare. Ciò con un unico scopo: ottimizzare l’uso della caldaia ed eliminare gli sprechi. In altri termini, per risparmiare soldi.