Ti aspettiamo al Nikon Yellow Days

dalle 10:30 alle 19:30
Per tutta la durata dell'evento sarà possibile provare
e richiedere in prestito la nuova Nikon Z 50

PLENARIA

Come affrontare la Dog Photography tecnicamente ed emozionalmente.
Claudio PICCOLI
Da sempre appassionato di fotografia e cinofilia, Claudio Piccoli nel 1997, dopo aver conseguito la laurea in Ingegneria Aeronautica al Politecnico di Torino, mi sono dedicato alla libera professione diventando esperto in vari campi fra cui quello dell'illuminotecnica e dell'aerodinamica. Nel 2008 ho iniziato ad approcciare ad un campo della fotografia che mi aveva sempre appassionato fin da giovane, quello della fotografia ai cani in movimento scoprendo un mondo del tutto nuovo ed inesplorato. Il luogo comune è sempre stato quello di pensare allo scatto come ad una piccola storia in grado di suscitare forti emozioni e raccontare cosa il soggetto avesse fatto fino al momento del click e a lasciar immaginare cosa sarebbe andato a fare subito dopo in una visione dinamica tridimensionale in grado di mostrare tutta la potenza e l'atleticità di questi animali. Vivo con 4 border collie che mi danno ispirazione fotografica ogni giorno. Questo è il mio mondo fatto di fotografia e di cani. è un campo in cui, dopo aver provato correttamente, non si tornare indietro! è qualcosa che mi ispira di continuo, è sempre diverso e questo mi permette di creare risultati diversi in ogni momento! Ogni cane è incredibile ma ha bisogno di capire cosa gli chiederemo durante lo shooting: non è forzandolo che otterremo alcun buon risultato. Lavoro con i cani con quello che chiamo shooting flessibile al fine di raggiungere l'anima di ogni cane e farla trasparire nelle foto. Ciò richiede molta tecnica e conoscenza che amo insegnare e trasmettere durante i miei workshop fotografici "Dogs in Action". C'è un grande mondo dietro la parola "azione" e ho passato un sacco di tempo e speso molti sforzi per raggiungere questo livello: è un viaggio che non finirà mai dove non si smette mai di imparare ogni giorno. Sono promotore di ricerca e sviluppo di nuove tecniche fotografiche e nuove tecnologie con i cani in azione. Svolgo Personal coaching dedicato ai principianti e ai professionisti. Sono formatore tramite Workshop fotografici "Dogs in Action" in giro per il mondo collaborando anche all'interno della Nikon School come docente relativamente a questo tipo di fotografia e sono un Nikon Ambassador per l'Italia.

www.claudiopiccoli.com
Sarà l'occasione ideale per poter provare oltre a tutto il sistema Nikon, la nuovissima Nikon Z 50, la prima fotocamera mirrorless in formato DX della serie Z e i primi due obiettivi zoom NIKKOR Z in formato DX, ovvero il NIKKOR Z DX 16-50mm f/3.5-6.3 VR e il NIKKOR Z DX 50-250mm f/4.5-6.3 VR. Con una superba qualità dell'immagine, la nuovissima Nikon Z 50 garantisce foto e filmati in 4K dalla messa a fuoco impeccabile, ricchi di dettagli, profondità e colore. Grazie alla combinazione della Z 50 con i nuovi obiettivi NIKKOR Z in formato DX, il nuovo sistema mirrorless consentirà di ottenere immagini sorprendenti, dal grandangolo al teleobiettivo.
Giuseppe Maio
Giuseppe Maio, classe 1967, è considerato tra i massimi esperti in tecnica e tecnologia di ripresa digitale in Italia.
Ricoprendo ormai da diversi anni il ruolo di Nikon Product Manager presso Nital S.p.A., azienda distributrice di Nikon in Italia dal 1991.
Autore del libro Fotografia digitale reflex, uno dei primi illuminanti testi sull'argomento quando ancora non esisteva letteratura in merito, ha accompagnato quindi traghettato l'utenza e l'azienda per la quale lavora da oltre 30 anni, dalla fotografia analogica a quella digitale.
Forte della sua mai diminuita frizzante curiosità per la tecnologia in generale e per quella legata alla fotografia in particolare, ha sempre amato esplorare le applicazioni verticali della fotografia digitale stessa, arrivando anche a progettare, costruire e commercializzare, accessori esclusivi nell'intero scenario Worldwide legati alla macro-fotografia, a tecniche professionali per la fotografia di architettura, interni e still-life, alla fotografia medicale e a quella scientifica nell'ambito IR, UV o ad ampio spettro Full range. Ha inoltre accompagnato nel percorso di digitalizzazione alcune realtà, tra cui Hal9000 che ha realizzato, con fotocamere Nikon e sotto la supervisione di Maio, la ripresa digitale della Sacra Sindone. Soprannominato "l'ingegnere" o "l'inventore", Giuseppe Maio da diversi anni ricopre anche il ruolo di relatore tecnico per il progetto Nikon School.

www.nital.it | www.nikonschool.it
Damiano ANDREOTTI
Dal 2001 lavora come fotografo di moda e ritrattista, collaborando per importanti marchi italiani e internazionali (Nikon, L'Orèal, Ermenegildo Zegna, Fila Sport, Piacenza1733).
I suoi scatti sono stati pubblicati su riviste e quotidiani tra cui AD, I-D, Glamour, Herald Tribune, Vogue Casa, Vogue Tessuti, Elle, Twist e Vanity Fair.
Dopo aver ricevuto una menzione d'onore al Moscow International Photography Awards 2016 e all'International Photography Awards nel 2017, un suo scatto è stato inserito nel Volume "It's a Nikon, it's an icon" per celebrare i 100 anni della casa giapponese, dal 2019 entra nel team di fotografi dell'agenzia Mondadori Portfolio.
Parallelamente ai lavori su commissione, segue un percorso di ricerca utilizzando l'elemento umano come unico protagonista, un viaggio alla scoperta delle persone che ha radici profonde e che vede, ne "Il volto, riflesso dell'anima" la sua ultima tappa. Nel 2018 è stato oggetto di un talk a TEDxPoStreet di Torino, recentemente uno dei suoi scatti è diventata la copertina del romanzo "Faccio la mia cosa" di Frankie hi-nrg mc edito da Mondadori.
Alcuni dei suoi progetti sono stati esposti in contesti nazionali tra cui: 13x17 - padiglione Italia, mostra itinerante a cura di Philippe Daverio, Urbana a cura di Olga Gambari, Gemine Muse - Giovani artisti nei musei d'Europa, a cura di Martina Corgnati, Arte & Sud - Obiettivo Contemporaneo, a cura di Antonio Arèvalo, Faccia Lei a cura di Elena Agudio, Arsenale Nuovissimo - Spazio Thetis, Ri-Tratti, Galleria d'arte Silvy Bassanese.

www.damianoandreotti.com
Gli strumenti e i processi in fotografia sono da sempre fondamentali per supportare creatività e talento. Flussi di lavoro e funzionalità s i aggiornano continuamente, si possono e si devono studiare con attenzione. Qualche spunto su rivoluzionari strumenti e promettenti percorsi da tenere d'occhio.
Lorenzo COLLORETA
Lorenzo Colloreta fa formazione sui software Adobe ad aziende, studenti e professionisti da oltre quindici anni. Parte del team Adobe Guru dal 2004 e Wacom Evangelist, è Adobe Certified Instructor Design Master. Conosce e aiuta a ottimizzare i flussi di lavoro di fotografi, grafici ed editori tenendoli al passo coi tempi, adora Lightroom (e il formato PDF).
Ha insegnato fotografia digitale alla Facoltà di Architettura dell'Università di Firenze dal 2007 al 2011, è docente alla Fondazione Studio Marangoni (Firenze).

AREA PHOTO

Damiano ANDREOTTI
Dal 2001 lavora come fotografo di moda e ritrattista, collaborando per importanti marchi italiani e internazionali (Nikon, L'Orèal, Ermenegildo Zegna, Fila Sport, Piacenza1733).
I suoi scatti sono stati pubblicati su riviste e quotidiani tra cui AD, I-D, Glamour, Herald Tribune, Vogue Casa, Vogue Tessuti, Elle, Twist e Vanity Fair.
Dopo aver ricevuto una menzione d'onore al Moscow International Photography Awards 2016 e all'International Photography Awards nel 2017, un suo scatto è stato inserito nel Volume "It's a Nikon, it's an icon" per celebrare i 100 anni della casa giapponese, dal 2019 entra nel team di fotografi dell'agenzia Mondadori Portfolio.
Parallelamente ai lavori su commissione, segue un percorso di ricerca utilizzando l'elemento umano come unico protagonista, un viaggio alla scoperta delle persone che ha radici profonde e che vede, ne "Il volto, riflesso dell'anima" la sua ultima tappa. Nel 2018 è stato oggetto di un talk a TEDxPoStreet di Torino, recentemente uno dei suoi scatti è diventata la copertina del romanzo "Faccio la mia cosa" di Frankie hi-nrg mc edito da Mondadori.
Alcuni dei suoi progetti sono stati esposti in contesti nazionali tra cui: 13x17 - padiglione Italia, mostra itinerante a cura di Philippe Daverio, Urbana a cura di Olga Gambari, Gemine Muse - Giovani artisti nei musei d'Europa, a cura di Martina Corgnati, Arte & Sud - Obiettivo Contemporaneo, a cura di Antonio Arèvalo, Faccia Lei a cura di Elena Agudio, Arsenale Nuovissimo - Spazio Thetis, Ri-Tratti, Galleria d'arte Silvy Bassanese.

www.damianoandreotti.com
Come affrontare la Dog Photography tecnicamente ed emozionalmente
Claudio PICCOLI
Da sempre appassionato di fotografia e cinofilia, Claudio Piccoli nel 1997, dopo aver conseguito la laurea in Ingegneria Aeronautica al Politecnico di Torino, mi sono dedicato alla libera professione diventando esperto in vari campi fra cui quello dell'illuminotecnica e dell'aerodinamica. Nel 2008 ho iniziato ad approcciare ad un campo della fotografia che mi aveva sempre appassionato fin da giovane, quello della fotografia ai cani in movimento scoprendo un mondo del tutto nuovo ed inesplorato. Il luogo comune è sempre stato quello di pensare allo scatto come ad una piccola storia in grado di suscitare forti emozioni e raccontare cosa il soggetto avesse fatto fino al momento del click e a lasciar immaginare cosa sarebbe andato a fare subito dopo in una visione dinamica tridimensionale in grado di mostrare tutta la potenza e l'atleticità di questi animali. Vivo con 4 border collie che mi danno ispirazione fotografica ogni giorno. Questo è il mio mondo fatto di fotografia e di cani. è un campo in cui, dopo aver provato correttamente, non si tornare indietro! è qualcosa che mi ispira di continuo, è sempre diverso e questo mi permette di creare risultati diversi in ogni momento! Ogni cane è incredibile ma ha bisogno di capire cosa gli chiederemo durante lo shooting: non è forzandolo che otterremo alcun buon risultato. Lavoro con i cani con quello che chiamo shooting flessibile al fine di raggiungere l'anima di ogni cane e farla trasparire nelle foto. Ciò richiede molta tecnica e conoscenza che amo insegnare e trasmettere durante i miei workshop fotografici "Dogs in Action". C'è un grande mondo dietro la parola "azione" e ho passato un sacco di tempo e speso molti sforzi per raggiungere questo livello: è un viaggio che non finirà mai dove non si smette mai di imparare ogni giorno. Sono promotore di ricerca e sviluppo di nuove tecniche fotografiche e nuove tecnologie con i cani in azione. Svolgo Personal coaching dedicato ai principianti e ai professionisti. Sono formatore tramite Workshop fotografici "Dogs in Action" in giro per il mondo collaborando anche all'interno della Nikon School come docente relativamente a questo tipo di fotografia e sono un Nikon Ambassador per l'Italia.

www.claudiopiccoli.com

AREA VIDEO

Con 120 fotogrammi al secondo di frame rate, la Nikon Z6 consente di realizzare filmati in slow motion di qualità elevatissima. Ma cosa accade quando questa tecnologia viene utilizzata in modo creativo? Scopriamolo in questo mini workshop in cui invece che rallentare oggetti (o corpi) in rapido movimento, congeliamo un intera classe di partecipanti, come se fossero delle vere e proprie statue di cera!
Davide VASTA
Palermitano di origine, Video Maker e Fotografo, si occupa di produzione video a 360° con tecniche e linguaggi creativi quali: Lip Dub, Time Lapse, HyperLapse, Tilt Shift. Il suo "occhio" fotografico è in costante ricerca di modi sempre creativi per descrivere una scena o raccontare un evento. Docente in GraphicDesignpresso l'Università per Stranieri di Perugia, Digital Video, Video Editinge Computer Graphics presso l'Accademia di Belle Arti di Perugia e Videomakingpresso l'ISIA di Urbino, è autore dei sette LipDub italiani di maggior successo. Vanta collaborazioni con Nikon, Manfrotto, ShooTools, HPRC, Adobe e DeAgostini. Autore del primo libro italiano "Video con la Reflex", edito da Apogeo Editore.

www.brainstudios.net
Sfruttiamo le potenzialità della Z6 in accoppiata al monitor Atomos Ninja V su un vero set per ottenere file corretti da post-produrre con DaVinci Resolve 16.
Fabrizio Luzzo
Sono nato a Savona nel 1968, vivo e lavoro a Torino.
Agli inizi degli anni '90, ho unito la mia passione per il video e la fotografia alle competenze informatiche derivate dai miei studi e ho iniziato ad interessarmi ad esse tramite l'utilizzo del mezzo informatico.
Oltre che alla ripresa ho volto così la mia attenzione alla post-produzione, al montaggio non lineare e alla "Color Correction" che, con l'avvento del digitale, si sono evolute in modo esponenziale fino ai giorni nostri.
Negli anni ho collaborato a diverse produzioni video realizzando lavori di riprese, montaggio e color. Dal 2014 faccio parte del gruppo di lavoro del Dipartimento Audiovisivi della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche).
Per il DiAF in questi ultimi anni mi sono occupato dell'organizzazione del Seminario Tecnico sia a livello di preparazione/conduzione che con interventi su argomenti mirati; collaboro inoltre con la redazione del Notiziario DiAF attraverso la stesura di articoli a carattere tecnico nel campo degli audiovisivi. Nel 2018 la FIAF mi ha insignito dell'onorificenza AV-BFI (Benemerito della fotografia italiana nel campo degli audiovisivi). Sempre nel 2018 ho sostenuto l'esame di BlackMagic Design sul software DaVinci Resolve 15 conseguendo l'attestazione di Utente Certificato.
NITAL S.P.A.
Via Vittime di Piazza Fontana, 54 - 10024 Moncalieri TO

Contribuiscono all'evento